Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Se continui ad utilizzare questo sito web, accetti il nostro utilizzo dei cookie.
 Ulteriori informazioni

Quando è utile fare una terapia neuropsicomotoria?

Il Terapista della Neuropsicomotricità interviene in tutte quelle situazioni in cui il soggetto presenta difficoltà nella realizzazione delle abilità necessarie alle attività e, più in generale, alla realizzazione del suo processo di crescita.

E’ importante consultare il neuropsicomotricista quando il vostro bambino:

  • nei primi mesi di vita presenta difficoltà nel controllo del capo, nel mantenimento della posizione seduta e nella deambulazione autonoma;
  • non vocalizza entro i 12 mesi di vita, non pronuncia parole entro i 16 mesi e non formula frasi (anche molto elementari) entro i 24 mesi di vita;
  • non risponde quando viene chiamato con il suo nome a partire dai 12 mesi di vita;
  • non risponde a gesti come il fare “ciao” con la mano, non afferra oggetti che gli vengono offerti entro i 12 mesi di vita;
  • presenta un impaccio motorio, caratterizzato ad esempio da difficoltà di equilibrio, scarsa coordinazione motoria, difficoltà nelle attività con la palla o a imparare ad andare in bicicletta;
  • non fissa negli occhi la madre o altre persone;
  • presenta difficoltà di manipolazione nelle autonomie della vita quotidiana e all'interno dei giochi manuali;
  • quando ci sono difficoltà scolastiche, soprattutto nella grafomotricità (scrittura) e nell'organizzazione spaziale del quaderno;
  • vi è una tendenza, da parte del bambino, all'iperattività (non riesce a stare fermo), disattenzione (ha difficoltà a concentrarsi su un compito) o all'inibizione motoria (incertezza davanti alle attività ed esperienze di movimento);
  • esegue movimenti ripetitivi come dondolarsi avanti e indietro;
  • utilizza i giocattoli in modo bizzarro e ripetitivo (per esempio afferra una macchinina e, anziché farla camminare a terra, si limita a far girare le ruote con un dito anche per un lungo periodo di tempo).

Il Nostro Servizio di Neuropsicomotricità

MADE BY KAPPERO.it WITH